I grandi difetti di due modeste riforme istituzionali

Bruxelles, 8 dicembre 2016. Analisi di Barbara Spinelli, relatore ombra del gruppo GUE-NGL, a proposito di due relazioni sui Trattati, approvate in Commissione costituzionale.

Qui i due rapporti approvati in Commissione: Relazione Verhofstadt e Relazione Bresso-Brok.

L’8 dicembre 2016 la Commissione affari costituzionali del Parlamento europeo ha approvato due Relazioni che hanno l’ambizione di dare all’Unione una nuova prospettiva di miglioramento e di rilancio. Insieme alla Relazione Berès-Böge sulla capacità di bilancio della zona euro (governance eurozona), sono concepite come una triade compatta, e costituiscono al tempo stesso la risposta che i gruppi maggioritari nel Parlamento intendono dare alla crisi apertasi con il Brexit (crisi considerata come “opportunità” per una migliore gestione dell’Unione). Sono state redatte in grande fretta, – soprattutto le prime due, di cui sono relatore ombra – per potere essere approvate in plenaria prima che il governo britannico annunci l’attivazione dell’articolo 50 e inizi il negoziato sulla fuoriuscita dall’Unione. Sono non solo una risposta a tale negoziato ma il volto che i relatori intendono dare all’Europa, per l’occasione, nei prossimi decenni.

Il mio giudizio finale su ambedue le Relazioni, come rappresentante del GUE-NGL, non poteva a questo punto che essere negativo: le ho respinte ambedue, pur approvandone alcuni compromessi e paragrafi. La forma che ha assunto il negoziato ha infatti pesantemente influito sulla sostanza, facendo in modo che praticamente nessuna delle nostre obiezioni e dei nostri emendamenti venissero inclusi. Per quanto riguarda la Relazione Verhofstadt, un certo numero di nostri emendamenti sono stati inclusi nei cosiddetti compromessi, ma all’ultimo minuto – la sera prima del voto in Commissione – sono stati staccati dal compromesso stesso, prendendo la forma di split votes, con una duplice conseguenza: i nostri emendamenti sono stati affossati, ma restando “appesi” al compromesso non potevano essere sottoposti al voto come “emendamenti separati”.

È stato il caso di alcuni punti importanti: per esempio, l’opportunità che la Corte di giustizia passi al vaglio in particolare la politica estera dell’Unione, la politica economica e monetaria, le decisioni adottate attraverso il ricorso all’articolo 7 (anche se si parla di controllo da parte della Corte di tutti gli aspetti delle legge comunitaria); la denuncia dell’accordo UE-Turchia; l’accenno al fatto che tale accordo sia stato rinominato “statement” per aggirare l’obbligo di consenso da parte del Parlamento europeo; l’assenza di una politica economica e fiscale comune, “aggravated by the lack of a proper aggregate fiscal stance for the euro area and the absence of an industrial strategy” (questo passaggio è stato rigettato attraverso split vote).

Più fondamentalmente, il mio giudizio è negativo perché ambedue le Relazioni non sono all’altezza della crisi profonda che l’Unione traversa: crisi economica e sociale, violazione dei principi di solidarietà tra Stati membri, volontà di impotenza davanti all’afflusso dei rifugiati, frantumazione a tutti gli effetti dello spazio Schengen. È il fondamento stesso delle Relazioni che ritengo non accettabile. Per esemplificare: la Relazione Verhofstadt sostiene che le crisi multiple che traversiamo si debbano risolvere con una nuova governance istituzionale (“Considers that the time of crisis management by means of ad hoc and incremental decisions has passed, as it only leads to measures that are often too little, too late; is convinced that it is now time for a profound reflection on how to address the shortcomings of the governance of the European Union by undertaking a comprehensive, in-depth reform of the Lisbon Treaty, whereas short and medium term solutions can be realised by exploiting the existing treaties to their full potential in the meantime”), mentre è mia convinzione – come avevo scritto in un emendamento – che siamo di fronte a un autentico fallimento, dovuto non a difetti istituzionali ma a politiche mal concepite, non trasparenti e socialmente ingiuste, che hanno diviso l’Unione e distrutto il progetto europeo di “unità nella diversità”. E che questo fallimento vada esplicitamente ammesso e superato da proposte veramente alternative.

Riassumo brevemente il progetto di nuova governance dell’Unione che sottende le Relazioni e che è stato approvato: aumento delle decisioni prese a maggioranza qualificata invece che all’unanimità; creazione di un Consiglio degli Stati che inglobi i vari Consigli specializzati; creazione di un ministro comune delle Finanze e degli Esteri (il ministro degli Esteri è proposto solo nella Relazione Verhofstadt); fusione del Presidente dell’Eurogruppo con il Commissario per gli Affari Economici e Finanziari (Bresso-Brok); riduzione drastica delle “eccezioni alle regole UE” (opt-outs). Sono questi elementi che hanno indotto il deputato dei Verdi Pascal Durand a parlare di visibili passi avanti verso un’Europa federale. Per parte mia non li ritengo tali, se servono a suggellare politiche sbagliate che vengono inserite nelle Relazioni come le uniche percorribili: in economia, politica estera, difesa, migrazione. Quanto agli opt-outs (Europa à la carte): il loro moltiplicarsi costituisce di sicuro una regressione, ma segnalano uno scontento irrefutabile nei Paesi dell’Unione, cui non si può rispondere con condanne perentorie. Condanne ed esclusioni sono una benda che ci si mette davanti agli occhi per non vedere la natura degli sconquassi presenti e prospettare un’Unione rimpicciolita anche se più coesa, fabbricata per perpetuare lo status quo.

Quello di cui sento più la mancanza è un’analisi critica e autocritica della crisi dell’Unione, che a mio avviso ha toccato l’acme durante il negoziato greco ed è sfociata per forza di cose nel Brexit – i due eventi sono legati, ma tale legame continua a essere ostinatamente e deliberatamente occultato. Se siamo giunti a questo punto, non è perché le istituzioni funzionino male, o non si coordinino, o non siano abbastanza “federali”. Il federalismo ha senso se esiste una comunità solidale, se vengono adottate politiche che non dividono le società e non generano, sempre più, disgusto verso il progetto stesso di unione. Il federalismo non è una tecnica, e non basta la tecnica a ridare ai cittadini la fiducia e il senso di appartenenza che hanno perso. Non basta nemmeno citare Eurobarometro, come fa la Relazione Verhofstadt: uno strumento che non rispecchia il loro vero stato d’animo, essendo un istituto di sondaggio dipendente dalla Commissione, dunque con forti conflitti d’interesse. Un mio emendamento, che cancellava i riferimenti ai dati fuorvianti di Eurobarometro, è stato rigettato.

Non mi convince nemmeno l’analisi delle crisi – la “‘polycrisis” descritta nella Relazione Verhofstadt: il più delle volte la crisi è dell’Europa, delle sue politiche. Non viene da fuori. Non è dei modi formali in cui essa risponde alle sfide, ma della natura stessa della risposta. Ad esempio: non c’è “crisi della migrazione”, ma crisi dell’Unione alle prese con flussi di profughi e migranti che al momento rappresentano lo 0,2 per cento delle popolazioni europee. La strategia europea su migranti e rifugiati è interamente concentrata sul controllo delle frontiere e su politiche di respingimenti (attraverso strumenti come il processo di Rabat e di Khartoum, il “Migration compact”, l’accordo UE-Turchia che serve da modello per altri accordi con i Paesi elencati dal Migration Compact, tra cui Eritrea e Sudan, Paesi tutt’altro che sicuri per i rimpatriati. L’ultimo accordo di riammissione (Joint Way Forward on migration issues) è quello con l’Afghanistan, stipulato a Kabul il 2 ottobre scorso).

Se poi consideriamo l’economia: non c’è solo crisi del debito, ma crisi dovuta a Paesi che essendo in surplus non espandono la propria economia. Più generalmente, c’è crisi della solidarietà e della democrazia all’interno dell’Unione. Ambedue le Relazioni avallano e sostengono politiche che hanno chiaramente fatto fiasco e che minano alle radici la solidarietà e la democrazia. Non basta dire che siamo di fronte a un euroscetticismo senza precedenti e a un ritorno dei nazionalismi, senza indicare l’insieme di politiche sbagliate e misantropiche che hanno causato e che causano diffusa sfiducia. La sfiducia dei popoli non genera alcuna resipiscenza nei relatori (e nella maggioranza del Parlamento europeo). È anzi criminalizzata, essendo sbrigativamente definita come euroscettica e populista (i due aggettivi vengono sistematicamente fusi, come se lo scetticismo non fosse una componente indispensabile del pensiero critico e fosse di per sé distruttivo: anche culturalmente, il pensiero europeo sta vivendo una formidabile regressione)

Vengo ora ad alcuni emendamenti che abbiamo presentato per la Relazione Verhofstadt (simili nelle grandi linee a quelli presentati per la Relazione Bresso-Brok, e per quanto riguarda l’economia a quelli presentati dai relatori ombra del GUE-NGL per la Relazione Berès-Böge).

Fin dal primo articolo, la Relazione chiede una modernizzazione della governance dell’Unione: cioè più efficienza, più rapidità. Non si va alla sostanza della crisi: la spettacolare mancanza di giustizia sociale, il venir meno di diritti (e di precisi articoli del Trattato come il 2, il 3, il 6, l’11); il riemergere in Europa di una politica di balance of powers, di potenze nazionali più o meno forti che si guardano in cagnesco l’un l’altra. La tecnica ancora una volta prende il sopravvento. Dovremmo sapere, da Heidegger, che “l’essenza della tecnica non è mai tecnica”.

Passo all’articolo in cui si denuncia la mancanza di convergenza e di competitività. Anche qui, nessun accenno alle diseguaglianze sociali, al senso di dis-empowerment dei cittadini e di impoverimento generalizzato delle classi medie: che sono poi le vere ragioni dell’ondata di sfiducia verso l’Europa. Di tanto in tanto si accenna nelle Relazioni alle necessità della coesione sociale, ma sono accenni secondari, come quando negli accordi di rimpatrio di migranti e rifugiati si afferma che i diritti umani saranno rispettati. Siamo di fronte a sistematici omaggi che il vizio rende alla virtù.

Non meno grave, e del tutto anacronistico, il proposito (in tutte tre le Relazioni) di inserire il Fiscal Compact nel Trattato, quando avrebbe dovuto essere semplicemente eliminato, vista la disgregazione sociale che ha provocato (il nostro emendamento, caduto, chiedeva “the replacement of the Fiscal Compact and the introduction of a really symmetric mechanism for macroeconomic policy coordination that addresses surpluses as well as deficits and does not place the burden of adjustment on deficit countries alone”). Nella Relazione Verhofstadt si dice giustamente che né il Patto di Stabilità e Crescita né la clausola “no bail-out” hanno fornito le soluzioni volute, ma non si fanno proprie le critiche sempre più diffuse che vengono espresse verso le ricette di austerità non solo da parte di accademici, ma dello stesso Fondo Monetario Internazionale. Il malfunzionamento, secondo la Relazione Verhofstadt, viene fatto risalire alle troppe infrazioni del Patto e più in genere agli impacci delle istituzioni. Constato un ritardo diagnostico di almeno dieci anni nell’analisi delle politiche economiche europee.

In questo ambito, mi dispiace l’assenza di accenni alle proposte di un New Deal europeo. In un emendamento aggiuntivo ne avevo proposto uno – ma le idee sono molte – finanziato dalla Banca europea degli Investimenti e da nuove risorse proprie alimentate da una tassa patrimoniale comune, dalla tassa sulle transazioni finanziarie e da una carbon tax. È stata affossata anche questa proposta.

Altra proposta bocciata, che avanzavo per entrambi le Relazioni: l’adesione dell’Unione alla Carta Sociale, e comunque l’inclusione dei criteri della Carta nella definizione della politica economica.

La Relazione Verhofstadt condivide esplicitamente la Relazione dei cinque Presidenti (“Completare L’Unione economica e monetaria dell’Europa”). In un certo senso tutte e tre le Relazioni (Verhofstadt, Bresso-Brok, Berès-Böge) sono il prolungamento di quella Relazione, che risale al 22 giugno 2015. La storia è passata e ha sconvolto quasi tutte le coordinate dell’Unione, ma i relatori delle varie Relazioni si ostinano a ignorarla. Nei miei emendamenti avevo espresso forti critiche della Relazione dei 5 Presidenti e delle cosiddette riforme strutturali: basate su codici di competitività che hanno come principale fondamento la ristrutturazione del mercato del lavoro e livellamenti verso il basso dei salari. La ricetta per uscire dalla recessione non cambia, anche se sono aggiunti più forti richiami alla crescita e agli investimenti. Anche questi emendamenti sono stati affossati. L’unico cambiamento consiste nella “velocizzazione” della governance tecnica di politiche ritenute evidentemente immutabili.

Per tutte queste ragioni non ho accolto la proposta – che in altri tempi e con altre politiche sarebbe stata positiva – di istituire un comune Ministro delle Finanze (e un comune Ministro degli Esteri). Il rischio è di ripetere l’errore fatto con l’euro. Parlo dell’illusione gradualista secondo cui creando istituzioni comuni parziali si arriverà necessariamente e provvidenzialmente all’unità politica e solidale dell’Europa. Nello stesso spirito ho respinto la proposta di una Difesa comune: anche qui nulla cambia, visto che la futura difesa europea viene presentata come “pilastro” della Nato, quindi di politiche militari extra-area che hanno solo creato caos e Stati falliti: nel Grande Medio Oriente, in Libia e Afghanistan, nel vicinato Est-europeo (quadruplicamento delle forze Nato ai confini della Polonia e degli Stati baltici).

Nelle riunioni della Commissione affari costituzionali mi è stato obbiettato che non è questo lo scopo della relazione Verhofstadt sulle necessarie modifiche del Trattato, né di quella dei relatori Mercedes Bresso e Elmar Brok su quello che si può fare senza cambiare i Trattati. Che è in gioco il quadro costituzionale, non le politiche immesse in tale quadro. Verhofstadt è giunto sino a presentarsi come erede dei padri fondatori dell’Europa unita, per i quali le istituzioni erano prioritarie. Ma ambedue le Relazioni fanno proprie precise linee politiche, economico-sociali e militari, e questo spiega come mai – non essendo per appunto tecnica, la natura della tecnica – ho sempre parlato di sostanza politica anch’io: in Commissione, e attraverso gli emendamenti e le raccomandazioni di voto che tornerò a presentare il giorno in cui le Relazioni saranno votate in plenaria. Per quell’occasione, mi riservo di presentare un nuovo emendamento che abbia al suo centro la possibile e ordinata uscita dall’Euro, senza che l’appartenenza all’Unione sia messa in questione: esiste infatti nel Trattato un vuoto giuridico in proposito.

Alcune cose minori le abbiamo ottenute. Spesso si tratta di quisquiglie: un riferimento alla Carta dei diritti fondamentali nelle Citations (having regard) o alla risoluzione del Parlamento europeo sull’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE). Nei Recital, abbiamo ottenuto che non si parlasse di “decisione” a proposito del Brexit ma del “risultato” del referendum (è ancora atteso il giudizio finale della Suprema Corte inglese, in proposito, e non esiste ancora un’interpretazione definitiva dei diritti legali del Nord Irlanda, iscritti nel Good Friday Agreement). Abbiamo anche ottenuto – ma in un solo paragrafo della Relazione Verhofstadt – che il presente ordinamento dell’Unione venisse chiamato istituzionale, e non “costituzionale” (il Trattato di Lisbona non è una Costituzione). Nell’articolato, è stato poi accolto un riferimento alla necessità di applicare integralmente la Carta dei diritti fondamentali, abolendo l’articolo 51. Su nostra richiesta attraverso split vote è stato eliminato un passaggio a proposito dell’articolo 7 TUE, in cui si proponeva di fare della Commissione l’”esecutore” dell’articolo stesso: in sostanza, il paragrafo ignorava il nuovo meccanismo In’t Veld in materia di democrazia, Stato di diritto e diritti fondamentali nei Paesi membri, meccanismo che non conferisce tutti i poteri alla Commissione, essendo anch’essa possibile oggetto di un “monitoring” (il testo attuale diceva: “Proposes to make the Commission the executor of the Article 7 procedure with the Council and Parliament as decision makers, to expunge the unanimity rule, and to review the sanction mechanism”).

È passato anche un nostro emendamento (non sull’ECI ma, più in genere, sulla democrazia partecipativa e sui referendum europei): “Believes, moreover, that citizens should be endowed with more instruments of participatory democracy at Union’s level; therefore, proposes to evaluate the introduction, within the Treaties, of the provision for a EU referendum on matters relevant to Union’s actions and policies”.

—-

Principali emendamenti bocciati (Relazione Verhofstadt)
(Testo evidenziato in giallo: non consentito voto separato da compromesso)

whereas the austerity policies adopted and imposed by the EU institutions and the International Monetary Fund (“Troika”) have increased this scepticism, produced destitution in the countries subject to readjustment programs and aggravated their debts; whereas these programs were the result of “overly optimistic growth projections”, as highlighted by several studies, including a report published on 8 July 2016 by the Independent Evaluation Office (IEO) of the International Monetary Fund;

whereas, according to Opinion 2/13 and the relevant case-law of the Court of Justice, fundamental rights recognised by the EU Charter of fundamental rights are at the heart of the legal structure of the Union and respect for those rights is a condition of the lawfulness of EU acts, so that measures incompatible with those rights are not acceptable in the EU; whereas article 6(1) TEU clearly states that the Charter of Fundamental Rights of the European Union has the same legal value as the Treaties; whereas a proper implementation of this article requires a removal of all the restrictions on the full and substantial effectiveness of the Charter’s provisions;

whereas over the past decade the security situation in Europe has deteriorated markedly, due to ill-conceived and short-term military and migration policies especially in our neighbourhood: this has shown the need to move towards a different approach in the EU’s external relations, founded on the peaceful promotion of social, economic, environmental and human rights standards for the benefits of all the parties involved, while, at the same time, refraining from policies of regime-change and proxy wars, which only have expanded the phenomenon of failed States in the Greater Middle East;

whereas Europe’s defence and diplomatic capabilities has limited its ability to project stability and peace beyond our immediate borders and especially in the accession countries; whereas this should lead to the need for more intense cooperation among the Member States and an integration of some of their defence capacities into a European defence community, considering that any security policy of the EU should have a defensive and not aggressive dimension, should be based on disarmament and arms control, focusing essentially on cooperation in the European continent;

Whereas there is a need to review EU-NATO cooperation, taking into account the profoundly changed scenarios of the post-cold war era in Europe and the substantive failures of NATO policies in the US-led anti-terror war outside the NATO area and to put a definitive end to the NATO and US enlargement policies at the Eastern borders of the EU, while looking for and building new independent forms of cooperation with the Russian neighbour;

whereas in its follow up to the European Parliament resolution on the European Citizens’ Initiative, adopted on 2 February 2016, the Commission stated “that after only three years after its effective entry into application, it is at this point too early to launch a legislative revision of the Regulation”; whereas from the establishment of the ECI only three initiatives were deemed admissible and no one has received an appropriate follow-up; whereas there are deficiencies in relation to the functioning and implementation of the instrument of the European Citizens’ Initiative and therefore a need for improvement in order for it to function effectively and be a true instrument for participative democracy and active citizenship;

Furthermore, calls on the Commission to present as soon as possible a new draft agreement for the accession of the Union to the ECHR in line with the obligations deriving from article 6 TEU, providing positive solutions to the objections raised by the Court of Justice of the European Union (CJEU) in its Opinion 2/13 of 18 December 2014;

Observes with great concern the proliferation of subsets of Member States – especially in Eastern European countries – undermining the unity of the Union by causing a lack of transparency and solidarity among the Member States, as well as a widespread propensity to an increase request for “opts-out” and to a resurgence of the “balance of power” system, magnified by the result of the UK referendum on Brexit;

Considers it essential in these circumstances not only to reaffirm the mission of an ‘ever-closer union among the peoples of Europe’ (Article 1 TEU) in order to mitigate any tendency towards disintegration, but also to clarify the substantial meaning of such formula, whose purpose should be that of providing the European Union of a real constitution underwritten by its peoples and not only by the heads of State and Government of the Member States;

Notes and respects the fact that the people of the Northern Ireland and Scotland voted overwhelmingly to remain in the EU; believes that an accommodation should be found whereby Northern Ireland maintains its membership of the European Union; calls on the EU to continue to proactively support the peace process in Ireland and to provide for its continuation in any negotiations on British withdrawal; stresses that an accommodation should also be found as far as Scotland is concerned if its citizens express a desire in this direction;

Recalls that the construction of the European Union has been rooted on four freedoms namely the free movement of goods, the free movement of services and freedom of establishment, the free movement of persons (and citizenship), including free movement of workers and the free movement of capital; therefore, points out that the both the negotiations and the final agreement concerning the withdrawal of the UK from the Union as well as the future framework for the future relationships should respect their substantial indivisibility; Is convinced that the Union needs a legal shift on its economic policy based on the full application of Article 3 TEU and the principles provided for, in particular, in articles 9 to 12 TFEU; asks therefore for a real New Deal for Europe, consisting in common investments in a new environmentally sustainable growth and employment plan, financed by the European Bank of Investments and by own resources deriving from an EU wide coordinated wealth levy, a Financial Transaction Tax (FTT) and a carbon tax, directly collected by the Union;

Is convinced that the Union needs a legal shift on its economic policy based on the full application of Article 3 TEU and the principles provided for, in particular, in articles 9 to 12 TFEU; asks therefore for a real New Deal for Europe, consisting in common investments in a new environmentally sustainable growth and employment plan, financed by the European Bank of Investments and by own resources deriving from an EU wide coordinated wealth levy, a Financial Transaction Tax (FTT) and a carbon tax, directly collected by the Union;

Recalls that social rights are fundamental rights, as recognised by international treaties, the ECHR, the EU Charter of Fundamental Rights and the European Social Charter; in this respect, calls on the Commission to swiftly present a proposal for a concrete European Social Pillar aimed at improving living and working conditions, quality employment, fair wages, equal treatment, social dialogue, quality public services and effective social protection, in line with the relevant ILO Conventions, while respecting the prerogative of the Member States to introduce or retain more favourable provisions in this field; moreover, asks the Commission to take into consideration the idea of introducing, in that proposal, provisions establishing a fair and just minimum wage, minimum pensions and a minimum income, in line with the European Parliament resolution of 20 October 2010 on the role of minimum income in combating poverty and promoting an inclusive society in Europe and article 34(3) of the Charter of fundamental rights of the European Union, while respecting the right to collective bargain, as enshrined in article 28 of the EU Charter

Calls on the Commission to start negotiations with the Council of Europe in order to launch the process for the accession of the EU to the European Social Charter; in the meantime, asks the Commission to use the Charter as guiding standard for the impact assessments carried out on the basis of article 12 of the Interinstitutional Agreement on Better Law-Making and for drafting the explanatory memoranda foreseen in article 25 of the same, having regard to the fifth recital of the Preamble to the Treaties;

Deplores the emphasis put, in the 5 Presidents Report, on “flexible” economies capable to quickly adjust to shocks and on a “new convergence process”, facilitated by the creation of national Competitiveness Boards; believes that such measures are based on the assumption that (downward) wage flexibility is the main ‘shock absorber’ and a key tool for assuring the cost competitiveness of national economies. The Competitiveness Boards may in fact institutionalise the pressure towards wage and cost reductions in the pursuit of greater cost competitiveness, especially in less technologically advanced countries; considers that the proposals contained in the “Five presidents’ report” claim to promote greater prosperity and solidarity in Europe while in fact further reinforcing the technocratic character of EU governance;

Is acutely aware of the need to review many recent crisis-management measures taken by the EU, as well as the need to change course to the regulatory framework for the financial sector; at the same time, in its recent judgment Ledra Advertising Ltd and Others v. European Commission and European Central Bank (ECB) (joined cases C-8/15 P to C-10/15 P), has stated that whilst the Member States do not implement EU law in the context of the ESM Treaty, on the other hand the Charter is addressed to the EU institutions, including when they act outside the EU legal framework;

Calls for the deduction of net public investment from public debt in an effort to implement the “golden rule for public investment” in order to allow for an optimal intergenerational allocation of public investment; believes that the definition of what qualifies as investment should be assessed; considers that in order to limit short term public debt a corresponding threshold for net investment could be implemented; considers that implementation of the rule could be done through annexing an “investment protocol” to the Treaties under the simplified revision procedure of Art. 48 TEU;

Stresses that in the current economic environment of subdued demand, the monetary policy must be complemented by expansionary fiscal policies as well as by strengthening unions collective bargaining power in order to ensure wage growth in line with countries average productivity growth and the ECBs inflation target; deems it necessary, in this context, to revise the objectives of the ECB;

Disapproves any expansion of the power of European-level institutions, such as the envisaged EU Finance Minister, if not made conditional on the approval of a clear mandate in terms of employment and/or growth-related targets, namely specific numerical targets to be reached within a specified timeframe and not only “full employment” as a general and declamatory aim. This, in turn, would require the creation of, and commitment to, clear institutional arrangements that would make the attainment of such targets possible;

Calls for better use of the existing structural funds in the direction of fostering cohesion;

Believes that before completing the Banking Union, it is necessary to address the critical flaws in its current architecture, such as the exclusion of any common deposit insurance scheme, the absence of an effective national veto over the use of common financial resources, the fact that the Single Resolution Fund’s (SRF) pre-funded financial means amount to “only” €55 billion, meaning that, in the event of a serious banking crisis, the SRF’s resources are unlikely to be sufficient (especially during the fund’s transitional period), the fact that, where the ESM will be allowed to intervene through its new direct recapitalisation instrument (DRI), this will be conditional on the implementation of the troika’s dreaded conditionalities, including where appropriate those related to the general economic policies of the ESM Member concerned; asks, furthermore, for a thorough review of the bail-in rule;

Welcomes the outcomes of 2015 Paris Climate Conference on setting out standards for reducing global emissions; stresses, however, that environmental protection shall become a short-term top priority for the EU in the light of the current environmental degradation, and shall be mainstreamed in all policies and actions of the Union; moreover suggests, in order to better attain the above-mentioned objectives, to modify the Treaties by introducing a specific reference to the Right of Nature, as developed, for instance, in the Constitution of Ecuador;

Points out that further steps are necessary to ensure that the Common European Asylum System becomes a truly uniform system; calls on Member States to harmonize their legislation and practices with regards to the standards as to who qualifies as a beneficiary of international protection, guarantees on international protection procedures and reception conditions following the jurisprudence of the ECtHR and CJUE and established best practices in fellow Member States; stresses that a new asylum and migration framework should build upon fundamental rights of the migrant;

Reaffirms that the Union must adopt a long-term strategy to address the root causes of migration in third countries (persecution, conflict, generalised violence, climate change and natural disasters or extreme poverty) and create safe and regular channels to access the EU;

Furthermore, considers it necessary to proceed to a formal recognition of the environmental refugees, as those who are obliged to leave their home countries due to environmental causes, hence to guarantee them full access to EU asylum procedures;

Is of the opinion that external military interventions as well as war rhetoric are both counterproductive and dangerous in the fight against terrorism; emphasises, in this respect, the need to adopt an holistic approach by accompanying the necessary internal security measures with actions in the fields of education, social integration and urban-planning, especially in the suburbs;

Recalls that stability and security can be reached and guaranteed only by fair and equitable societal conditions and therefore any activity to promote stability and security should be brought forward by assuring the primacy of new forms of development which advantage local populations, especially in the field of agricultural production, and providing for economic and conflict-avoiding instruments and policies;

Recalls that, according to article 21 TEU, the Union’s action in the field of CFSP shall be guided by its founding principles namely democracy, the rule of law, the universality and indivisibility of human rights and fundamental freedoms, respect for human dignity, the principles of equality and solidarity, and respect for the principles of the United Nations Charter and international law; is convinced therefore that CFSP should be developed along these lines, thus promoting peace and stability, the enforcement of the principles of the UN Charter and of the Helsinki Final Act and the development of mutual cooperation for the benefit of all the parties involved;

Considers that the Union needs to further strengthen its democratic legitimacy by providing for the involvement of civil society in the decision-making process; to this end, stresses once again the need to revise Regulation 211/2011 in order to encourage the Commission to have a less restrictive approach on the legal admissibility of an ECI and to allow a successful initiative to have an appropriate and concrete follow-up;

Calls on the Commission to explore a citizens’ social veto as a mechanism that can prevent the entry into force of EU legislation that would increase poverty and inequality or decrease social rights; in this regard, suggests to take into consideration, as a point of reference, the provisions of Protocol (No. 2) on the application of the principles of subsidiarity and proportionality;

Proposes to explore the possibility of transforming the Commission into an executive authority of the Union; nevertheless, considers that this cannot be done without a prior redefinition of the overall political strategy of the Union, aiming at the full realisation of its main principles and objectives as provided for, in particular, in articles 2 TEU and 9 to 13 TFEU; is convinced that such a change first requires a re-evaluation of the role and prerogatives of this Institution in terms of functions, composition and strengthening of democratic accountability and transparency as well as of the system of checks and balances in the Union as a whole;

Considers it necessary to enhance the political responsibility and accountability of the Commission to the European Parliament as far as the respect of the primary law, including the Charter of fundamental rights of the European Union, is concerned; in this respect, proposes to revise article 234 TFEU in order to strengthening the prerogatives of the European Parliament by allowing it to table a motion of censure also against single Commissioners;

Believes that, in redefining the governmental functions of the euro area, due respect should be paid to the interests of Member States that are not yet part of the euro (the ‘pre-ins’);

Insists that Parliament’s right of inquiry should be reinforced and be granted specific, genuine and clear powers which are more in line with its political stature and competences, including the right to summon witnesses, to have full access to documents, to conduct on-the-spot investigations and to impose sanctions for non-compliance; therefore, calls on the Commission to advance the negotiations on the Parliament’s proposal on a regulation on Parliament’s Right of Inquiry;

Principali emendamenti caduti perché coperti da compromessi

whereas the UK’s decision to leave the EU resulting from the referendum has shown, once more, the deep disaffection of the citizens vis-à-vis the current EU project; whereas this decision should represent a starting point for rethinking and innovating the EU framework by bringing back citizens’ needs centre stage in line with the Preamble of the Treaties and could offer, at the same time, an opportunity to clarify what membership of the Union really entails and what could be a clear structure in the future for the EU’s relationship with non-members in our periphery

(nel paragrafo approvato è scritto: whereas the UK’s departure would create an opportunity to reduce the complexity of the Union and to clarify what membership of the Union really means, etc etc)

Acknowledges that the European Semester, the six-pack and the two-pack have not solved but aggravated the problems; believes, moreover, that they have contributed to making the system not only overly complex, but essentially unjust and ineffective, increasing the disgregation of the EU and the widespread mistrust of the EU citizens; believes, furthermore, that the current “convergence instruments” – in particular the European Semester – should be reformed to include binding social targets;

Calls for the replacement of the Fiscal Compact and the introduction of a really symmetric mechanism for macroeconomic policy coordination that addresses surpluses as well as deficits and does not place the burden of adjustment on deficit countries alone;

Points out that the functioning of the Economic and Monetary Union requires democratic, transparent and accountable governmental institutions than those currently provided by the Commission and/or the Eurogroup, also introducing the co-decision procedure on the broad guidelines of the economic policies of the Member States and of the Union (article 121 TFEU); in this regard, expresses once again its deep concern for the lack of transparency and democratic accountability that characterises the decision-making and procedures of the Eurogroup; therefore, asks the Institutions to clarify the legal nature of this body vis-à-vis the EU Treaties;

Considers it necessary to endow the European Central Bank with the status of non-conditional lender of last resort enjoying the full powers of a federal reserve bank; at the same time, considers it necessary that the ECB also commits to purchasing eurobonds as part of its standard QE policy, keeping borrowing costs down for the eurozone as a whole; calls for the democratic control of the ECB via the European Parliament; [emendamento caduto con adozione del compromesso, nonostante quest’ultimo proponesse tutt’altro: nel compromesso approvato la funzione di prestatore di ultima istanza viene affidata al Meccanismo di Stabilità auropeo (MSE), non alla BCE]

Recognises the geopolitical, economic and environmental need for the creation of a European energy union; points out however that the Energy Union should be principally fostered through appropriate research and development investments in renewable energy sources, in line with the objectives of the EU as listed, for example, in article 3 TEU and 37 of the EU Charter of fundamental rights;

Notes that the Treaties provide ample means to set up a human rights-based, well-functioning migration and refugees policy rooted on article 80 TFEU and on the principles of solidarity, non-discrimination, non-refoulement, and on proactive search and rescue in line with the obligations deriving from the Geneva Convention, the Charter of fundamental rights of the European Union, the International Convention for the Safety of Life at Sea and the International Convention on Maritime Search and Rescue, while considering, at the same time, the establishment of safe and legal avenues for refugees fleeing from wars, dictatorships and environmentally-caused disasters; believes, however, that the Treaties, particularly Article 79(5) TFEU, are too restrictive regarding other aspects of migration, especially on the establishment of a genuine European legal migration system; insists that democratic control and co-decision by the Parliament is needed on the implementation of border control, asylum and migration policies, and that the safeguarding of national security cannot be used as a pretext to circumvent European action as far as asylum and inclusion policies are concerned;

points out, however, that the fight against terrorism shall not become a justification for lowering down existing human rights standards, including protection of privacy in internet and encryption of data;

Believes, finally, that it is essential that the restrictions in Article 24(1) TEU on the authority of the European Court of Justice in the field of CFSP be removed; calls, in the same spirit, for Parliament to gain greater powers of scrutiny and accountability over CFSP, including full co-decision powers over the budget and policies of the CFSP;

Notes that, despite the prohibition in Article 15(1) TEU, the European Council has undertaken various legislative initiatives; considers that the legitimacy of these initiatives should be assessed by the Court of justice following an action ex article 263 TFEU;

Is of the opinion that the 60th anniversary of the Treaty of Rome would be an appropriate moment to rebuild the European Union and to start a Convention in order to try to reconnect the European Union with its citizens and to draw a line under the current and persistent slide towards disaggregation, division and insignificance;

Principali emendamenti votati in aggiunta a compromessi ma rigettati

Considers it appropriate to redefine the competences of the Council vis-à-vis those of the European Parliament with the aim of strengthening the co-decision procedure and increasing the transparency of the whole legislative process; calls, furthermore, on the Council, Commission and European Parliament to strongly limit the recourse to Trilogues in the ordinary legislative procedure, while guaranteeing, at the same time, their full transparency;

Profughi. Lettera aperta al commissario Ue Avramopoulos

L’Agenzia Habeshia per la cooperazione allo sviluppo scrive una lettera aperta – cofirmata da Barbara Spinelli e da altri europarlamentari – al Commissario europeo alla migrazione, denunciando una politica di chiusura e respingimento. Qui il testo in inglese.

Gentile commissario,

le scriviamo a nome dell’Agenzia Habeshia che, come forse saprà, si occupa della tragedia dei profughi e dei migranti e che, dunque, vorrebbe vedere in lei un alleato nel difficile cammino teso a dare libertà, dignità e sicurezza ai milioni di persone costrette ad abbandonare la propria terra.

Partiamo da una delle ultime, drammatiche richieste di aiuto. Certamente conoscerà il rapporto dell’Onu che appena poche settimane fa ha denunciato che oltre 400 mila bambini sono vittime della carestia, in Nigeria, a causa della situazione provocata dai miliziani fondamentalisti di Boko Haram. Anzi, secondo l’Unicef, 75 mila rischiano di morire di fame nei prossimi mesi, al ritmo di 200 al giorno. Senza contare le uccisioni, i rapimenti, i saccheggi che investono interi villaggi, gli attentati, le stragi e tutto il nord del paese precipitato da anni sotto il controllo diretto dei fondamentalisti fedeli all’Isis. E allora qualcosa non torna se ripensiamo alle sue dichiarazioni, diffuse da tutti i media europei, secondo cui non occorre cambiare i criteri delle nazionalità dei rifugiati da accogliere e “ricollocare” in qualcuno degli Stati dell’Unione.

“Se confrontiamo Italia e Grecia, vediamo che fino all’80 per cento dei migranti che attraversano l’Egeo sono profughi, mentre la maggioranza di quelli che arrivano in Italia dal Mediterraneo centrale, anche in questo caso l’80 per cento, sono irregolari. Non intendiamo cambiare i criteri…”: questa è la dichiarazione che le ha attribuito la stampa, in risposta a chi le chiedeva se non pensasse a qualche modifica per le nazionalità da ridistribuire, visto che in Italia non ci sono “abbastanza siriani ed eritrei”. Ecco, già questa idea delle nazionalità come “requisito a priori” sembra a dir poco assurda. Se non altro perché – lei lo sa bene – secondo il diritto internazionale e la Convenzione di Ginevra, le richieste di asilo vanno esaminate caso per caso, ascoltando le storie individuali di ciascuno e non, invece, espletate in base a criteri di “appartenenza nazionale” come purtroppo si sta ormai facendo, tanto da accogliere solo coloro che fuggono dalla Siria sconvolta dalla guerra o dall’Eritrea schiavizzata dalla dittatura di un regime autoritario.

Se proprio vuole, tuttavia, parliamo pure di nazioni e paesi. Abbiamo detto della Nigeria, dove per migliaia di persone l’alternativa è morire sotto i colpi di Boko Haram o di fame. Andiamo oltre: ad esempio, prendiamo il Sud Sudan. Anche in questo caso, lei è troppo ben informato, per il ruolo che riveste, per non sapere che la guerra civile che sta devastando il paese da tre anni, tanto da provocare almeno 10 mila morti e 3 milioni di profughi, rischia di trasformarsi in un vero e proprio genocidio, con le fazioni in lotta pronte ad ammazzare e a fare strage in base all’etnia, seguendo la logica perversa della pulizia etnica. Lo denuncia un rapporto dell’Onu pubblicato all’inizio di dicembre, in aggiunta all’ormai “abituale” corollario di uccisioni, rapimenti, villaggi saccheggiati e incendiati, incursioni persino all’interno dei campi profughi posti sotto le insegne dell’Unhcr. Per non dire della “carestia provocata”: già, a parte i cambiamenti climatici e la siccità, da almeno due anni non si fanno più le semine a causa della guerra e, dunque, non ci sono raccolti per soddisfare almeno in parte i bisogni alimentari della popolazione.

Allora, che dire? Chi fugge da questo inferno non deve essere accolto in Europa come rifugiato?

Ma l’elenco di situazioni come questa è lunghissimo. La Somalia implosa e in preda alla guerra civile, con i miliziani di Al Shabaab, affiliata ad Al Qaeda, che mettono a segno una media di oltre 900 attentati l’anno, con centinaia, migliaia di morti e, anche qui, una siccità e una carestia che investono milioni di uomini e donne. Il Mali dove, contrariamente a quanto si continua a dire in Europa, la guerra esplosa con la rivolta del 2012 nelle regioni del nord, il cosiddetto Azawad, non è mai finita, come dimostra la lunga, quotidiana catena di attacchi, attentati, agguati, uccisioni. Il calvario del Darfur, la martoriata regione del Sudan che non conosce pace da anni e che alimenta, appunto, un flusso costante di profughi che vedono nella fuga l’unica via di salvezza dalle violenze di ogni genere perpetrate dalla polizia del regime di Al Bashir, i famosi “diavoli a cavallo”. Lo Yemen, travolto dalla guerra tra sciiti e sunniti: anche qui migliaia di morti e milioni di profughi o sfollati, disperati scacciati dalle loro case e dalle loro città anche dalle bombe e dalle armi che l’Europa (e l’Italia in particolare) vende, insieme agli Stati Uniti, ad una delle fazioni in lotta. O, ancora, il Gambia, soggiogato per anni da una dittatura feroce, che speriamo sia stata davvero scacciata dalle elezioni di qualche giorno fa. O la Repubblica Centrafricana. O lo stesso Niger, scelto dall’Europa per farne un grande “hub” di smistamento per i profughi ma che sembra tutt’altro che sicuro, in seguito alla crescente escalation di attacchi terroristici da parte di Boko Haram dalla Nigeria e di jihadisti di Aqim e dell’Isis dal Mali, tanto che nel giugno scorso il coordinatore delle Nazioni Unite, Fode Ndiaye, si è appellato alla comunità internazionale parlando senza mezzi termini di “crisi umanitaria”…

Si potrebbe continuare – lei lo sa – per chissà quanto ancora. Con l’Afghanistan, ad esempio, dove l’Unione Europea vuole “rimpatriare” 80 mila profughi, come se il paese fosse diventato all’improvviso “pacifico e sicuro”. Purtroppo i media parlano poco di queste tragedie e l’opinione pubblica ne sa poco. Ma che si tratti, appunto, di tragedie lo denunciano i profughi che continuano a bussare alle porte dell’Europa, in fuga dalla Nigeria, dal Sud Sudan, dal Sudan, dalla Somalia, dal Gambia e così via: basta scorrere l’elenco delle nazionalità dei tanti giovani sbarcati in Italia. Però, stando alle sue dichiarazioni, a quanto pare queste situazioni non sarebbero “sufficienti” ad aprire le porte della solidarietà in Europa. Non bastano a garantire – come pure prevede il diritto internazionale – aiuto e accoglienza.

Perché questa scelta? Habeshia non riesce a spiegarselo. A meno che il motivo non sia che questi Stati da cui si è costretti a fuggire sono in buona parte proprio gli stessi con cui l’Unione Europea ha stretto tutta una serie di trattati per fermare i profughi prima ancora che arrivino alle sponde del Mediterraneo. Ci riferiamo ai Processi di Rabat e Khartoum, agli accordi firmati a Malta nel novembre 2015, al patto con la Turchia da lei esaltato e che, in effetti, funziona benissimo come “barriera” posta al di là dell’Egeo: peccato che funzioni sulla pelle dei profughi. Già, perché accordi e patti di questo genere servono all’Europa per esternalizzare le sue frontiere addirittura al di là del Sahara o comunque lontano dalla sponda meridionale del Mediterraneo, delegando ad altri il lavoro sporco di sorvegliarle, queste frontiere, e renderle invalicabili. E le sue dichiarazioni, ora, rischiano di dare voce ulteriore a chi vuole alzare ancora di più le barriere dell’egoismo e dell’indifferenza e si appella da sempre a una politica di chiusura e respingimento.

Noi speriamo davvero, come Habeshia, di essere smentiti. Ma – a meno di smentite, appunto – proprio questo emerge dalle sue parole riferite dai media. Parole che sembrano dimenticare che lasci la casa solo quando la casa non ti lascia più stare [1]

Cordiali saluti,

Don Mussie Zerai, presidente dell’Agenzia Habeshia
Emilio Drudi, portavoce dell’Agenzia
Barbara Spinelli, Gruppo GUE/NGL
Patrick Le Hyaric , Gruppo GUE/NGL
Ana Maria Gomes, Gruppo S&D
Dimitrios Papadimoulis, Gruppo GUE/NGL
Josu Juaristi Abaunz, Gruppo GUE/NGL
Marie-Christine Vergiat, Gruppo GUE/NGL
Rina Rojna Kari, Gruppo GUE/NGL

[1] Giuseppe Cederna, Home. I versi successivi dicono: Nessuno lascia la casa a meno che la casa non ti cacci fuoco sotto i piedi, sangue caldo in pancia, qualcosa che non avresti mai pensato di fare, finché la falce non ti ha segnato il collo di minacce…

Trasferimenti Dublino e Ue-Turchia: le incoerenze della Commissione

Intervento di Barbara Spinelli nel corso della sessione plenaria del Parlamento europeo. Strasburgo, 14 dicembre 2016.

Punto in agenda: Raccomandazione della Commissione europea sull’attuazione della dichiarazione UE-Turchia e il ripristino dei trasferimenti nell’ambito del sistema di Dublino

Dichiarazione della Commissione

Presenti al dibattito:

Dimitris Avramopoulos – Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza

Le raccomandazioni della Commissione – sull’accordo UE-Turchia e sul ripristino dei trasferimenti in Grecia – sono sconcertanti. Voi stessi – non solo Amnesty International – dite che l’accoglienza nelle isole dell’Egeo e in terraferma non funziona, che i minori non accompagnati e le persone vulnerabili sono tuttora detenute, e però raccomandate il ritorno in Grecia dei rifugiati a partire dal marzo 2017, visti i “molti progressi”. Voi ammettete che le isole sono sovraffollate, e chiedete di affollarle di più. Menzionate le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte di giustizia contro tali trasferimenti – anche graduali – e ve le dimenticate per strada.

Non meno sconcertante il piano d’azione su Ue-Turchia: è accertato ormai che la Turchia non è un Paese sicuro. Ciononostante volete più rimpatri, riunificazioni familiari gestite in Turchia, e non esitate a raccomandare le deportazioni dei più vulnerabili. Al governo greco si chiede perfino di riscrivere le leggi nazionali che vietano simili rimpatri.

Chiedo alla Commissione cosa la spinga a ritenersi forte, quando sta dimostrando solo impotenza: è incapace di ricollocare i rifugiati come promesso, ignora la miseria economica imposta alla Grecia. A meno che non voglia fingersi forte così: sradicando i diritti dell’uomo.

Il Parlamento europeo riconosce la tratta degli esseri umani a scopo di estorsione

COMUNICATO STAMPA

Barbara Spinelli: Il Parlamento europeo approva Il rapporto sulla situazione dei diritti  fondamentali nell’Unione europea nel 2015 riconoscendo la tratta degli esseri umani a scopo di estorsione

Strasburgo, 13 dicembre 2016

Oggi il Parlamento europeo riunito in plenaria a Strasburgo ha votato un rapporto di iniziativa sulla Situazione dei diritti fondamentali nell’Unione Europea nel 2015.

Dopo il voto Barbara Spinelli ha dichiarato:

«Giudico positivo il risultato del voto, favorevole alla Relazione sulla situazione dei diritti fondamentali, per la quale avevo presentato numerosi emendamenti. Scopo degli emendamenti era quello di rafforzare i diritti delle minoranze e dei migranti minorenni, di offrire particolare sostegno e soddisfare i bisogni delle donne rifugiate che subiscono una doppia discriminazione: quella di essere migranti e quella di essere donne.

In altri emendamenti avevo chiesto agli Stati membri di facilitare i ricongiungimenti familiari e di assicurare la trasparenza e il rispetto dei diritti fondamentali nei casi di reclusione dei migranti.

Motivo di soddisfazione è stato in particolare l’approvazione di un emendamento in cui chiedevo agli Stati membri di riconoscere la tratta degli esseri umani a scopo di estorsione accompagnata da pratiche di tortura come una forma di tratta degli esseri umani, considerando i sopravvissuti quali vittime di una forma di tratta di esseri umani perseguibile, tale da comportare obblighi di protezione, assistenza e sostegno. Si tratta di riconoscere uno speciale tipo di tratta che non è presente in nessun’altra Relazione del Parlamento europeo e non è riconosciuta dagli Stati membri nonostante numerosissimi eritrei siano vittime di queste pratiche, soprattutto nella regione del Sinai e della Libia.

È fondamentale che il Parlamento abbia riconosciuto la tratta degli esseri umani a scopo di estorsione».

La realtà inventata della Commissione

Strasburgo, 12 dicembre 2016. Intervento di Barbara Spinelli, per conto del Gruppo GUE/NGL in apertura dei lavori della Sessione Plenaria.

Punto in agenda: Ordine dei lavori – Richiesta del Gruppo GUE/NGL di introdurre nell’agenda dei lavori di mercoledì 14 dicembre 2016 il seguente dibattito: “Raccomandazione della Commissione europea sull’attuazione della dichiarazione UE-Turchia e il ripristino dei trasferimenti nell’ambito del sistema di Dublino. (Dichiarazione della Commissione)“.

La richiesta del Gruppo GUE/NGL è stata approvata dall’aula a grande maggioranza, con 204 voti a favore e 149 contrari.

Chiediamo per mercoledì una dichiarazione della Commissione e un roll call vote su due stupefacenti raccomandazioni: il ripristino dei trasferimenti Dublino, e l’implementazione dell’accordo UE-Erdogan. Anche i profughi più vulnerabili vanno deportati in Turchia, e Atene è pregata di riscrivere le leggi che lo vietano.

Sono raccomandazioni disattente al diritto. I ri-trasferimenti in Grecia sono vietati fin dal 2011 dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, poi dalla Corte europea di giustizia e da Corti nazionali. Mi domando quale sia il metodo, in tanta follia. Una Commissione incapace di ricollocare i profughi, indifferente alla miseria economica imposta ad Atene, finge una potenza che non ha sradicando i diritti dell’uomo. Dice che i rifugiati in Grecia stanno oggi molto meglio. Non c’è una sola testimonianza che confermi questa realtà totalmente inventata.

—————–

Si veda anche:

La petizione lanciata da DiEM25, e cofirmata da Barbara Spinelli, per fermare l’accordo tra Unione europea e Turchia.

Do increased deportations mean more orderly migration?

di mercoledì, dicembre 7, 2016 0 , , Permalink

Bruxelles, 6 dicembre  2016. Intervento di Barbara Spinelli nel corso della Conferenza “Do increased deportations mean more orderly migration?” organizzata da The Platform for International Cooperation on Undocumented Migrants (PICUM) e dall’eurodeputata Birgit Sippel (S&D).

First, I would like to thank Birgit Sippel and PICUM for organizing this important conference.

To the question you ask – “Do increased deportations mean more orderly migration?” – my answer is clearly negative. Increased deportations to countries like Turkey, Libya, Eritrea, Sudan and Afghanistan are deliberately ignoring the reasons of mass flights. They seem to forget that wars, conflicts, State failures which push millions of people out of their country are the consequences of European and US military and foreign policy choices, for which we bear a special responsibility.

It’s an externalisation of European asylum and migration policy, and when I say externalisation I mean de-responsabilisation and something more: EU governments and institution are increasingly falling prey to fear: to be precise, fear of the fear felt by a growing number of EU citizens and voters, incapacity to lead and explain them that the affluence of refugees in our countries represents a mere 0,2 per cent of the EU populations. Roosevelt used to say: “The only thing we have to fear is fear itself”. But we are experiencing something more vicious. The governments themselves are frightened by the fear of their own citizens and voters. Externalization is part of a politics of fear, and that’s the reason why we often have the impression that the EU agenda of migration is de facto in the hands of the extreme rights, and of special private interests representing the security industries.

European governments and institutions are trying to be reassuring, repeating that refugees are returned in safe countries. But the opposition coming from judicial authorities and researchers is growing: their conviction is that readmission agreements, whether bilateral or managed by the EU, infringe the rules of international law on asylum, in particular the principle of non-refoulement recognized in the Refugee Convention and the European Convention on Human Rights. The rules are equally infringed when the migrant is returned to transit states, where he risks being exposed to inhuman and degrading treatment and to a second return to his origin country. Some readmission agreements, also at national level, have been criticized by the EU Courts.

I am thinking in particular of the agreement between Italy and Libya concluded in 2001 (between Berlusconi and Qaddafi) that gave rise to the European Court of Human Rights’ case “Hirsi Jamaa and Others v. Italy”, in which the Court found Italy guilty of violating several articles of the European Convention of Human Rights.

The list of migrant’s returns is long. I personally followed two grave cases: the Italian decision last year to return 20 Nigerian women victims of trafficking, and the deportation of 40 Sudanese migrants to Sudan, last summer: in this case, the forced deportations were prepared and facilitated by an agreement signed on Aug. 3 between Sudan and Italy.

These kind of agreements are extremely dangerous, because they link development aid to migration control. In the Italian-Sudanese deal, they also tend to be secretly negotiated between law enforcement authorities and not by Foreign ministries, excluding the national Parliament from any decision. The same happens in the EU institutions, as we have seen with the EU-Turkey agreement: it has been renamed “statement”, and the scrutiny by European Parliament was avoided. The EU-Turkey agreement has become a role model, imitated in the consecutive Migration compact proposed by the Italian government last April. Exactly the same happened last October 2 with the Joint Way Forward Agreement of the EU with Afghanistan, rebaptised “declaration” to avoid – again – scrutiny by this Parliament. There is a method, in European madness.

Let us consider this last agreement, which allows  Member States to deport an unlimited number of asylum seekers to Afghanistan. Amnesty International and many human rights groups were appalled to see that EU has put the condition for development aid in return for Afghan citizens.

It’s time to stop lying and fearing. Migrants and refugees returned to Afghanistan or Sudan or Eritrea face greatest dangers, these countries are not safe and that’s all. It’s not true that Afghanistan is safe and stable, as pretended by the US administration. The suffering of the people is increasing, the control of entire provinces by the Taliban has never be so extended since 2001. Isis is controlling  parts of the country. It’s simply untrue  what has been guaranteed last march in a non-paper written by the Commission and the European External Action Service: that there are “safe zones” in Afghanistan where migrants can be returned notwithstanding the general insecurity of the country.

Una Carta per i diritti internet

Intervento di Barbara Spinelli nel corso della riunione ordinaria della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni.

Bruxelles, 5 dicembre 2016

Punto in agenda: Carta dei diritti digitali fondamentali nell’Unione europea. Presentazione alla presenza di Martin Schulz, Presidente del Parlamento europeo, e del prof. Heinz Bude, sociologo, uno degli autori della Carta.

Grazie innanzitutto al Presidente Schulz e al Professor Heinz Bude. Mi felicito per la presentazione della Carta, e contrariamente a quanto detto da alcuni colleghi la ritengo necessaria. È necessario che il mondo internet sia presentato alla stregua di un “bene comune”, e che come tale comporti regole precise, attinenti i diritti all’anonimato, all’oblio, alla cancellazione, e la questione non meno centrale del digital divide. Leggendo la vostra Carta ho provato a paragonarla con una Carta simile, che il prof. Bude sicuramente conosce: si tratta della Dichiarazione dei diritti in internet che il Parlamento italiano ha approvato nel luglio del 2015. Nonostante ritenga che la Carta dei diritti digitali presentata oggi sia di grande interesse, vorrei sottolineare alcuni punti presenti nella Dichiarazione italiana che potrebbero essere vantaggiosamente inclusi nella Carta europea.

Nel preambolo si parla di sfide e minacce che vengono da internet. Per parte mia parlerei anche delle opportunità che si aprono grazie a questo mezzo, e non sottolineerei troppo le minacce ma le tratterei più concretamente nell’articolato, indicando quel che bisogna fare – anche preventivamente – nel caso di violazioni della dignità e di abusi della libertà di espressione. A proposito degli articoli 3 e 15 concernenti il digital divide, metterei in risalto gli aspetti sociali della diseguaglianza di fronte a internet, elencando i diritti sociali che devono esser garantiti per quanto riguarda l’accesso alla rete e l’apprendimento del suo uso, e sottolineerei le difficoltà multiple di adattamento al mondo digitale: difficoltà che si registrano più acutamente in certe regioni non sviluppate o rurali come anche nelle generazioni più anziane. In un’Europa che invecchia, il “divide” è al tempo stesso sociale, geografico e generazionale.

Per quanto riguarda l’articolo 4 concernente la sicurezza, è corretto ribadire che le forze dell’ordine non devono avere accesso ai dati privati e che le eccezioni possono essere consentite solo sulla base della legge, per salvaguardare importanti principi legali. Tali eccezioni tuttavia dovrebbero essere permesse solo a seguito di un’autorizzazione motivata dell’autorità giudiziaria, come specificato appunto nella Dichiarazione italiana scritta dal professor Stefano Rodotà.

Sull’articolo 6 e 7 riguardante il profiling e l’algoritmo, è giusto stabilire che le schedature e l’uso di tecniche probabilistiche (algoritmi) vanno permessi solo sulla base della legge. Quel che aggiungerei è la possibilità di opporsi al profiling come all’algoritmo: in questo consiste infatti il diritto all’identità.

Sull’articolo 5 – concernente data protection e data sovereignty – c’è nella vostra Carta un accenno al fatto che sia necessario il consenso dell´utente affinché   avvenga il trattamento dei dati personali. Aggiungerei tuttavia una precisazione: tale consenso non va considerato permanente, e di conseguenza può essere revocato. Cito in proposito uno dei passaggi chiave della Dichiarazione italiana: “Il consenso non può costituire la base legale per il trattamento quando vi sia un significativo squilibrio di potere tra la persona interessata e il soggetto che effettua il trattamento”.

***

(parte dell’intervento non pronunciata nel dibattito):

Altri punti della Carta italiana che varrebbe la pena incorporare:

Le modalità di accesso ai dati sono indicate con maggiore chiarezza nella Dichiarazione italiana: in essa si parla non solo di diritto di accesso, ma anche di rettifica e di cancellazione dei propri dati raccolti in rete. In questo quadro, si stabilisce che “la raccolta e la conservazione dei dati devono essere limitate al tempo necessario, rispettando in ogni caso i principi di finalità e di proporzionalità e il diritto all’autodeterminazione della persona interessata”.

Anche sul diritto all’oblio, la Dichiarazione italiana opera alcuni distinguo preziosi, che consentono di evitarne gli abusi da parte del potere politico o finanziario. È un punto che mi pare importante. Si stabilisce infatti che tale diritto va certo rispettato, ma che “non può limitare la libertà di ricerca e il diritto dell’opinione pubblica a essere informata”, e si precisa che “tale diritto può essere esercitato dalle persone note o alle quali sono affidate funzioni pubbliche solo se i dati che le riguardano non hanno alcun rilievo in relazione all’attività svolta o alle funzioni pubbliche esercitate”.

Non per ultima, la questione degli squilibri globali di potere che possono crearsi tramite internet: in un articolo della Dichiarazione italiana, concernente il “governo della rete”, si esige che la sua disciplina non dovrà dipendere “dal potere esercitato da soggetti dotati di maggiore forza economica”.

 

Le trappole dell’identità unica

Bruxelles, 1 dicembre 2016. Intervento di Barbara Spinelli nel corso della sessione plenaria del Parlamento europeo.

Punto in agenda: Lotta contro il razzismo, la xenofobia, l’omofobia e le altre forme di intolleranza

Dichiarazione del Consiglio e della Commissione

Presenti al dibattito:

Ivan Korčok – Rappresentante plenipotenziario del governo per la presidenza slovacca del Consiglio dell’UE

Julian King – Commissario europeo per l’unione della sicurezza

Il Trattato di Lisbona, la Carta dei diritti, la Decisione quadro del 2008, la Convenzione di Istanbul: ecco come combattiamo il razzismo, la xenofobia, le violenze contro le donne. È urgente che la Decisione quadro condanni più esplicitamente, oggi, l’islamofobia, l’antisemitismo, l’antiziganismo, l’omofobia che inquinano i nostri Paesi e perfino le comuni istituzioni: è grave che gli attacchi del commissario Oettinger a donne, gay e cinesi diventino una normalità.

È anche questione di linguaggio: quel che ci unisce non sono valori astratti, ma precise norme. Se esiste un dèmos dell’Unione, è a causa di tale patto normativo. Chi lo viola non può invocare culture nazionali discordanti.

Penso che ogni individuo libero – specie in tempi di forte immigrazione – abbia più appartenenze, più identità. L’assimilazione a un’unica identità genera violenza. Meglio proporre l’integrazione nel rispetto delle norme, piuttosto che l’assimilazione.